Videopost #1 – come lo facciamo, il videoblog?

Siccome non riesco a resistere agli inviti perentori, ecco qua il mio primo videopost (Qt, 4.7Mb formato Mpeg4) direttamente dall’interno del mio armadio (al buio). Argomento? Boh, stupidaggini sul come fare un videoblog, tutt’altro che esaustive, e anche poco interessanti, ma tant’è, visto che la cosa mi diverte, continuerò.

Procedimento: mi sono ripreso con la mia Sony PC8-E al buio nell’armadio con gli infrarossi, ho acquisito e ripulito il girato con Premiere, ho preparato con Photoshop un titolo (troppo piccolo, lo rifarò) da usare come master per le prossime baggianate che farò, e ho esportato il tutto in DV-AVI per poi riesportarlo da Quicktime 6.5 in formato .mov per ottimizzare la compressione (Mpeg4, 320×240, 4.7 Mb per 2’10” di durata, un compromesso accettabile).

Link diretto al file .mov.

9 Comments

Add yours

  1. Beh, simpatico esperimento! Aspetto la seconda puntata. Sopra il video vedo questo codice: codebase=”http://www.apple.com/qtactivex/qtplugin.cab”> problema mio? (Firefox su WinXP con firewall)

  2. Mah, è tutta la mattina che faccio modifiche al post per trovare il modo migliore di pubblicare ‘sto video… ora dovrebbe essere tutto a posto.

  3. L’idea mi piace e molto. e lo dice uno che con i video ha fatto impazzire il provider…
    keep in touch

  4. bell’esperimento, ma ti segno qualche appunto:

    1.- preso così, un videopost è un “chunk” di 4 mb di robba senza un senso in sé e per sé… a meno di riprodurlo. Per fare un esempio, un motore di ricerca, o un aggregatore non lo trova facilmente (e men che meno capisce cosa c’è dentro) … SMIL ? un player (flash) che associa un XML con dei sottotitoli ? Una pagina con il video + transcript e keyword ?

    2.- non vieni male in video 🙂

    3.- abbandonare l’infrarosso: mi aspettavo di vedere comparire Paris Hilton da un momento all’altro :-)))

  5. dont undersatnd Italien…but good to see you come through my computer.
    SHOW me your world.
    i liked the cat on the wooden staircase.
    lets see the outside.

    jay

Rispondi a Luca - Pandemia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *