Storie di suoni e rumori

A 7 anni dallo scioglimento della mia band più longeva, i Sinatra, e dopo un buon numero di tentativi di ricreare un nuovo progetto musicale degno di questo nome, domani sera comincia un’altra storia. Due chitarristi stanati su un annuncio trovato dal solito record-shop Disfunzioni Musicali, ai tamburi il compagno di avventure sonore di tutta una vita, e al basso il vostro affezionato me medesimo.

C’è voglia di costruire qualcosa di buono, di riprovare le calde sensazioni elettriche dei palchi da concerto, l’odore delle cantine fumose (ho smesso di fumare, ma tant’è…), la sferzata d’adrenalina di un cambio che funziona, le corde del basso che friggono sotto le dita …

Troppa vita digitale, troppa cerebralità, troppe informazioni, ho bisogno di peso, di interazioni semplici, e soprattutto di canali per dire cose che davvero non saprei come altro dire.

Vedremo.

2 Comments

Add yours

  1. Le rotosound del mio vecchio precision… una sensazione che – dopo pi&#249 di 10 anni – ancora non se n’&#232 andata… Buon divertimento!

  2. In bocca al lupo! Dopo tre anni che cerco di staccare le chitarre dal chiodo, il fatto che altri ci riescano lo prendo come un buon auspicio 🙂

Rispondi a Andrea Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *