La posta in gioco?

Sarà che mi son lasciato alle spalle gli anni dell’idealismo stratosferico, sarà che certe (oper)azioni simboli(sti)che radical chic mi hanno sempre disturbato parecchio, sarà che ho una radicata intolleranza alimentare per l’anticonformismo coatto, ma questa chiamata alle armi per incoronare Ivan Scalfarotto alle primarie mi pare una stupidata colossale. Apprezzo anch’io il personaggio e le sue idee (ovviamente, visto che il suo programma sembra il “Trattato della Federazione Unita dei Pianeti” di Star Trek), ma davvero non posso e non voglio dimenticare che non sono certo questi i tempi delle anime belle, convinte di poter cambiare il mondo con una risata e due fiorellini. La politica è (ancora) fatta di torbidume in cui rimestare, e il sistema Italia come lo conosciamo ora non può essere “salvato con nome” su qualche hard disk a beneficio dei documentaristi, e sostituito da un nuovo file bianco e vuoto su cui ricominciare a scrivere la Storia come se niente fosse. Si possono fare pochissime cose senza sporcarsi le mani, men che meno cambiare un paese bloccato dal conflitto permanente di centinaia di interessi solidamente contrapposti, che vanno sciolti con certosina pazienza, e con una robusta dose di cinismo e opportunismo

Se a questo poi aggiungiamo il peso della nuova legge elettorale, espressione di un centrodestra militarizzato e con l’unico obiettivo di svuotare di significato lo stesso concetto di “leader senza partito”, davvero mi pare che dare sostegno al più debole dei candidati senza lista sia il più clamoroso degli autogol che potremmo fare.

Io mi auguro davvero che il futuro politico, economico e culturale dell’Italia finisca presto nelle mani di dieci, cento, mille Ivan Scalfarotto; ma adesso signori prendiamoci per favore il controllo della stanza dei bottoni nel modo più semplice, efficace e cinico possibile (cioè dando MOLTA forza a Prodi).

Al resto ci pensiamo dopo.

1 Comment

Add yours

  1. biccio… stai diventando troppo pragmatico… ritira fuori la robba buona. io ho votato scalfarotto e litigato nella sezione DS con un cameramen che voleva filmarmi (a me!!! In una sezione DS!!!! maremma).

    Sognare sognare. Meglio Star Trek della mortadella stagionata. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.